Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Etna "non ha i piedi"

KEYSTONE/AP/SALVATORE ALLEGRA

(sda-ats)

A largo della costa orientale della Sicilia c'è un motore sommerso che fa scivolare l'Etna nelle acque dello Ionio. Come se nel versante di Sud-Est il vulcano 'non avesse i piedi'.

Il motore principale di questo movimento, che nel maggio 2017 è stato di 4 centimetri in soli 8 giorni, non è legato alla camera magmatica come ritenuto finora, ma è in mare, come se l'Etna stesse collassando per il suo peso. Per gli esperti, è impossibile dire se causerà tsunami.

È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, coordinato dal Centro tedesco Helmholtz per la ricerca oceanografica Geomar di Kiel.

Questo motore è stato studiato per due anni a circa 15 chilometri dalla costa e 1200 metri di profondità. "È la prima volta che misuriamo deformazioni sottomarine dell'Etna", ha spiegato un ricercatore.

Da 20 anni i vulcanologi monitorano i movimenti del vulcano, ma finora solo sulla superficie. Secondo lo studio, "i nuovi dati spostano adesso la causa del movimento in mare, dove si trova la scarpata ibleo-maltese. È come se il vulcano lì non avesse i piedi".

L'Etna, il vulcano attivo più grande d'Europa, ha circa 500'000 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS