Navigation

Italia: 5 speleologi salvati in Trentino da grotta allagata

Maltempo in Italia KEYSTONE/EPA ANSA/FRANCO BOLZONI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 11:56
(Keystone-ATS)

Sono salvi cinque speleologi altoatesini bloccati da ieri sera nella grotta "Bus del Diaol" di Patone di Arco allagata a causa del maltempo.

Per tutta la notte i soccorritori, coordinati dalla protezione civile trentina, hanno condotto una complessa operazione di salvataggio conclusasi questa mattina.

A bloccare i cinque escursionisti, sulla via del rientro, è stato è stato uno dei sifoni presenti nella grotta, che si è chiuso dietro di loro riempiendosi di sabbia e acqua. Situazione resa ancora più complicata dalla presenza di due cascate di acqua che continuavano ad alimentare il sifone.

Dopo aver stabilito un collegamento telefonico tra il campo base e i soccorritori dentro la grotta, sono stati portati sul posto due pompe a immersione alimentate da un gruppo elettrogeno esterno per svuotare il sifone dall'acqua.

Contemporaneamente i soccorritori, con dei teli e un sistema di tubi, hanno deviato l'acqua delle due cascate per evitare che il sifone continuasse a riempirsi. Verso le 6 di mattina il sifone è stato praticamente svuotato dall'acqua e i soccorritori hanno iniziato a scavare per togliere il deposito di sabbia che ancora ostruiva il passaggio, fino ad arrivare nel luogo dove erano rimasti bloccati i cinque escursionisti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.