Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Guardia di Finanza di Padova ha sequestrato 9200 bottiglie con marchio falsificato Moët & Chandon, pronte ad essere immesso nel mercato: in realtà non si trattava di champagne ma di prosecco.

Secondo gli operatori del settore, si tratta di uno dei più ingenti sequestri di champagne con marchio contraffatto eseguiti in Europa. Sono state trovate anche 40'000 etichette e 4200 scatole con marchio falsificato. In tutto sono state denunciate otto persone. I sigilli sono stati posti anche ai macchinari necessari per confezionare a regola d'arte le bottiglie.

Le bottiglie venivano vendute a circa 40 euro l'una a consumatori italiani, ma anche a negozi di Germania e Polonia. La vendita delle bottiglie rinvenute avrebbe fruttato agli organizzatori della truffa - una coppia (lui trevigiano e lei slovacca) - un introito di circa 350'000 euro. L'importo sarebbe lievitato ad oltre 1,8 milioni di euro se si considerano le decine di migliaia di etichette pronte all'uso.

L'indagine è nata da un controllo in un esercizio commerciale del padovano, dove i finanzieri si sono insospettiti per l'etichetta di una bottiglia di champagne priva del lotto di fabbricazione. Partendo da quel dettaglio le "Fiamme gialle", anche con appostamenti e pedinamenti, hanno scoperto poco prima di Natale un capannone in aperta campagna, al confine tra i comuni di Selvazzano e Abano Terme (Padova), adibito a laboratorio clandestino, nel quale venivano apposte etichette contraffatte di champagne su bottiglie contenenti Prosecco. Al momento del blitz, nel capannone c'erano otto persone, di cui alcune di origine Sinti, una delle etnie che compongono la popolazione romaní, intente a confezionare e ad inscatolare le bottiglie.

L'analisi del vino sequestrato, effettuata dal laboratorio chimico dell'Agenzia delle Dogane, ha accertato la genuinità del prodotto, che è stato classificato come "vino bianco spumante" con un grado alcolico di 11,62. Una volta accertata la genuinità del vino, le bottiglie sono state donate ad alcune associazioni che operano nel Veneto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS