Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Astrofisica e teoria della relatività sono le protagoniste del convegno internazionale che fino al 18 luglio riunisce a Roma, nell'università Sapienza, oltre 1.200 fisici da tutto il mondo.

Intitolato al matematico ungherese Marcel Grossmann, l'incontro è un appuntamento fisso dal 1975 ed è organizzato ogni tre anni per fare il punto sulle ricerche più avanzare in materia di gravitazione e relatività generale.

Patrocinato dalle Nazioni Unite e organizzato dalla rete del Centro Internazionale per l'Astrofisica Relativistica (ICRAnet), l'evento è l'occasione per celebrare il centesimo anniversario delle equazioni di Einstein, l'anno internazionale della Luce proclamato dall'Unesco e il cinquantenario della nascita dell'Astrofisica relativistica.

In occasione del convegno internazionale è in programma la consegna dei premi Marcel Grossmann, per singoli ricercatori o per istituzioni che abbiano dato contributi fondamentali all'astrofisica. Fra questi: Tsung-Dao Lee e Chen Ning Yang, che hanno ricevuto entrambi il Nobel per la Fisica nel 1957; l'astronomo reale britannico Martin Rees; Yakov Sinai, considerato uno fra i maggiori matematici viventi; Sachiko Tsuruta fisico della Montana State University;, premio Nobel per la fisica 1957, e l'Agenzia Spaziale Europea (Esa) rappresentata dal direttore generale neo eletto Johann-Dietrich Woerner.

L'evento è trasmesso in diretta streaming ed è possibile seguirlo anche sul canale ANSA Scienza e Tecnica.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS