Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Un lancio con il paracadute come tanti altri ne aveva già fatti in passato, ma oggi per Pietro Taricone, star della prima edizione del "Grande Fratello", qualcosa è andato storto. È precipitato presso l'aviosuperficie di Terni e ora l'attore 35enne è ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale della città umbra dove è sottoposto a un lungo intervento chirurgico per salvargli la vita.
Cosa sia successo esattamente lo dovrà stabilire l'indagine svolta dalla polizia. Dalle testimonianze già raccolte dagli investigatori è però emerso che il paracadute di Taricone si è aperto regolarmente dopo un lancio da 1'500-2'000 metri di altezza. Poi però un colpo di vento o una manovra errata nelle ultime fasi del volo lo hanno fatto finire a terra a una velocità ben superiore a quella prevista.
Proprio l'ipotesi di un errore nelle operazioni di frenata è quella maggiormente presa in considerazione dagli investigatori della questura di Terni. Taricone, paracadutista definito "esperto" da chi lo conosce, con alle spalle centinaia di lanci, potrebbe averla ritardata eccessivamente, finendo a terra con violenza praticamente davanti agli occhi della compagna, l'attrice Kasia Smutniak che si era lanciata dopo di lui. E sembra che con la coppia si trovasse a Terni anche la loro figlia di sei anni, Sophie.
Taricone è stato subito soccorso sul posto da un'ambulanza del 118 e il personale a bordo lo ha rianimato dopo un arresto cardiaco. Senza che riprendesse mai conoscenza, l'ex concorrente del Grande fratello è stato trasportato in ospedale. La situazione è apparsa subito gravissima ai medici. Taricone ha infatti riportato diverse fratture, traumi al cranio, al volto e al bacino. I sanitari hanno anche riscontrato un'emorragia alla testa e all'addome. È stato quindi immediatamente operato e l'intervento è ancora in corso.

SDA-ATS