Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Piero Longo, deputato Pdl e avvocato di Silvio Berlusconi, si dice convinto che "la grazia verrà prima o poi formalmente richiesta". "L'agibilità politica - dice a Radio Capital - è poi altra cosa ma se venisse chiesta e data la grazia ci potrebbero essere novità perché questa può riguardare parzialmente la pena. Anche le pene accessorie".

Il fatto che la grazia possa essere estesa anche alle pene accessorie, aggiunge Longo, "dipende dalla decisione del Presidente della Repubblica, bisognerà vedere che tipo di provvedimento di clemenza verrebbe eventualmente concesso".

"Il governo terrà senz'altro - aggiunge Longo - perché non ci sono alternative per chi ha senso di responsabilità e io credo che il Pdl ne abbia e che ne abbia il presidente Berlusconi".

Poco dopo lo stesso avvocato ha provato a smentire: "Smentisco categoricamente di aver dichiarato che il Presidente Berlusconi prima o poi chiederà la grazia". Ma Radio Capital ha diffuso l'audio della conversazione nella quale Longo dichiara: "Io credo che" la grazia "sarà prima o poi richiesta anche se non posso sciogliere la riserva per rispetto del presidente della Repubblica".

Intanto dall'opposizione tuona Beppe Grillo: "Se Berlusconi sarà salvato, moriranno le istituzioni. Napolitano uscirà di scena nel peggiore dei modi. Il mio consiglio è che rassegni ora le dimissioni", scrive il leader del Movimento 5 Stelle sul suo blog. "Il M5S non resterà a guardare, questo è certo. Prepariamoci all'autunno", conclude.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS