Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le dimissioni dei parlamentari del Popolo della libertà (Pdl) vogliono "testimoniare" la ferita alla Costituzione per l'applicazione retroattiva della legge Severino: lo ha detto il presidente dei deputati Pdl Renato Brunetta, intervenuto con Luigi Zanda, capogruppo del Partito democratico (Pd) alla Camera, a "Prima di Tutto" (Radio 1), sottolineando che tutti, compreso presidente della Repubblica e premier, devono rispettare la Carta.

"Ci sono due piani diversi - ha premesso -, uno per il Governo e uno per il Parlamento. In Parlamento, e in particolar modo al Senato, nella Giunta per le elezioni si sta commettendo un atto di gravissima lesione costituzionale: si sta cercando di applicare 'senza se e senza ma' una legge, la legge Severino, in maniera retroattiva, al Senatore Silvio Berlusconi. Su questo punto noi abbiamo evidenziato una serie numerosissima di dubbi: sappiamo bene che il principio della non-retroattività è il principio base del diritto: nessuno può essere condannato per reati avvenuti prima che la legge specifica che prevedeva quel reato fosse stata emanata. Per cui se uno commette un reato, ci deve già essere una legge che prevede la pena che gli spetta, mi sembra un fatto di civiltà. Ora - ha continuato Brunetta - la legge Severino è di un anno fa, e prevede la decadenza per chi viene condannato in via definitiva, e questa decadenza viene applicata al senatore Berlusconi per fatti avvenuti nel 2004. Ora, nonostante tutti i dubbi sollevati da noi sulla costituzionalità dell'applicazione retroattiva di questa legge, a colpi di maggioranza il Partito Democratico, Sel (Sinistra Ecologia Libertà) e Cinquestelle hanno detto di no".

"Questo è il vulnus fondamentale: la Costituzione la dobbiamo rispettare tutti, la deve rispettare il Presidente della Repubblica, la deve rispettare il presidente del Consiglio. Noi parlamentari del Pdl, 97 alla camera e 91 al Senato, abbiamo dato le dimissioni proprio per testimoniare questo trauma, questa ferita, che ci sarebbe il 4 ottobre se venisse applicata retroattivamente la legge Severino al senatore Berlusconi", ha concluso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS