Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: blitz Messina, armi e droga forse per 'Ndrangheta

MESSINA - Un ingente sequestro di armi e droga e' stato effettuato stamani dalla polizia a Messina. Durante il blitz in un casolare nel rione San Filippo, gli agenti hanno sequestrato otto chili tra eroina e cocaina, 22 armi da fuoco, 116 detonatori a miccia, migliaia di munizioni, una pressa e materiale per confezionare la droga, che secondo gli investigatori erano probabilmente nascosti per conto della 'ndrangheta.
Durante l'operazione, condotta dalla polizia grazie al contributo informativo degli uomini dell'Agenzia di informazione e sicurezza interna (Aisi), sono stati arrestati un uomo e i suoi due figli di 31 e 23 anni. L'uomo, secondo gli investigatori, appartiene al clan Mangialupi, guidato dai fratelli Trovato, considerati i referenti dell 'ndrangheta a Messina. Il casolare era protetto da telecamere di videosorveglianza e all'interno c'era solo un piccolo quantitativo di droga, ma gli agenti hanno scoperto, dietro una doppia parete, il resto della droga e l'arsenale: 15 pistole, 3 mitragliatrici calibro 9, un fucile semiautomatico, 3 mitragliatori Kalashnikov.
"Una delle ipotesi probabili che spiegherebbe la presenza dell'ingente quantitativo di armi in un casolare del clan Mangialupi - dice Marco Giambra, dirigente della Mobile di Messina - è che la cosca messinese conservasse le armi per la 'Ndrangheta, con la quale c'é un legame d'affari sullo spaccio di droga".
E' il secondo colpo che la Squadra mobile mette a segno contro il clan Mangialupi. Lo scorso maggio, quando la Mobile aveva sequestrato ai fratelli Trovato beni per 20 milioni di euro, gli agenti avevano trovato in un appartamento nel centralissimo viale San Martino oltre un milione di euro in contanti e 3 chili e mezzo tra eroina e cocaina.
All'uomo arrestato oggi lo scorso 3 agosto i carabinieri avevano sequestrato due appartamenti a Rometta (Me) e un terreno con un casolare proprio a San Filippo Superiore.
"La determinazione della polizia guidata dal questore Vincenzo Mauro - ha commentato il presidente nazionale della Federazione antiracket Pippo Scandurra - sta incidendo sempre più nella città dello Stretto, riuscendo a liberare interi quartieri dalla criminalità. Questo deve spingere i cittadini a trovare il coraggio per denunciare".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.