Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

COMO - I bond miliardari sequestrati nel giugno scorso alla dogana di Chiasso a due giapponesi diretti in Svizzera sono falsi. Lo hanno accertato alcuni esperti americani incaricati dalla Procura della repubblica di Como. Gli esperti americani hanno escluso l'autenticità dei bond americani, titoli per un controvalore di 134 miliardi di dollari.
La Procura comasca ha chiuso in questi giorni la fase preliminare dell'indagine, notificando ai tre indagati l'avviso di conclusione dell'inchiesta: l'accusa di introduzione e spendita nello Stato di monete falsificate è contestata a un imprenditore di Carimate (Como), Alessandro Santi e ai due cittadini giapponesi (Akihiko Yamaguchi e Mistuyoshi Watanabe, 51 e 61 anni) che furono fermati con i titoli in dogana. Da quanto ipotizza la conclusione dell'inchiesta, i due giapponesi erano diretti a Ginevra per incontrare con i bond falsi un gruppo di russi, che avrebbero contattato attraverso l'imprenditore italiano.
L'esclusione dell'autenticità dei bond - alcuni risalenti agli anni Trenta, altri invece dei 'Kennedy Bond' del 1998 - non è una buona notizia per lo stato italiano che, nel caso i titoli fossero stati genuini, avrebbe potuto contestare una sanzione amministrativa di quattro miliardi di euro.

SDA-ATS