Navigation

Italia: collaboratrice giustizia sciolta in acido, 6 arresti

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2010 - 08:57
(Keystone-ATS)

MILANO - I carabinieri di Milano hanno arrestato sei persone nell'ambito dell'inchiesta sulla scomparsa di una collaboratrice di giustizia calabrese, uccisa e sciolta nell'acido circa un anno fa nell'hinterland milanese. I fermi sono stati eseguiti tra Lombardia, Calabria e Molise e sono in corso perquisizioni.
In base agli accertamenti e alle dichiarazioni di un paio di pentiti, la donna, 35 anni, alla quale nel febbraio del 2006 era stato revocato il programma di protezione, tra il 24 e il 25 novembre scorsi, prima di essere assassinata e sciolta nell'acido, sarebbe stata anche interrogata dai suoi esecutori.
Due dei sei, uno dei quali è l'ex convivente della donna, si trovavano già in carcere da febbraio per un precedente tentativo di sequestro, avvenuto a Campobasso nel maggio dell'anno scorso, con lo scopo di uccidere la donna per vendicarsi delle dichiarazioni da lei rese agli inquirenti, a partire dal 2002, contro alcuni affiliati alle cosche della 'ndrangheta.
Le altre quattro persone arrestate sono i due fratelli l'ex convivente della donna e altre due persone, una delle quali accusata "solo" di distruzione di cadavere.
La distruzione del cadavere, per inquirenti e investigatori, ha avuto lo scopo di "simulare la scomparsa volontaria" della collaboratrice e assicurare l'impunità degli autori materiali dell'esecuzione.
Secondo l'indagine, l'ex convivente ha organizzato l'agguato teso alla donna proprio mentre questa si trovava a Milano con la figlia. Proprio con il pretesto di mantenere i rapporti con la ragazza, legatissima alla madre, l'uomo ha attirato la sua ex nel capoluogo lombardo.
Almeno quattro giorni prima del rapimento, ha predisposto un piano, contattando i complici, assicurandosi sia il furgone dove è stata caricata a forza, sia la pistola per ammazzarla "con un colpo", sia il magazzino o il deposito dove interrogarla, e infine l'appezzamento dove si ritiene sia stata sciolta nell'acido.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.