Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro italiano dello sviluppo economico, Flavio Zanonato, è intervenuto sul tema dei rincari dei carburanti, con un richiamo ai petrolieri perché non ci siano nuovi aumenti della benzina. Intanto i gestori dei distributori confermano lo sciopero su tutta la rete autostradale dalle 22 di domani fino alle 6 di di venerdì. Mentre il Garante degli scioperi convoca le compagnie petrolifere per mercoledì per riattivare il dialogo con i sindacati.

Dopo i nuovi aumenti registrati oggi e nel week end - con la benzina verde che costa in media 1,836 euro al litro (2,28 franchi) e in alcune aree del Paese tocca punte di 1,877 euro, mentre il diesel è a quota 1,739 - oggi si è fatto sentire il ministro Zanonato, che ha detto di aver già disposto un richiamo ai petrolieri chiedendo loro di tenere conto della situazione del Paese e perché non ci siano aumenti.

Il ministro ha comunque spiegato che "il rincaro è prevalentemente dovuto ad un aumento del greggio e della domanda e per questo i petrolieri aumentano il prezzo. Ma lo stacco, cioè la differenza tra quanto crescono i listini europei rispetto ai nostri, è minimo".

L'avvertimento non è però bastato ai gestori, che hanno confermato lo sciopero dei benzinai nelle aree di servizio poste lungo tutte le tratte autostradali, tangenziali e raccordi compresi.

Per le associazioni di categoria, il Governo è rimasto "indifferente" alle loro denunce e non è stata fatta nessuna mediazione fra le parti per "impedire un vero e proprio 'olocausto economico' perpetrato ai danni di centinaia di imprese di gestione e di oltre 6000 lavoratori cui viene violentemente sottratto reddito e posto di lavoro".

I rincari preoccupano le associazioni dei consumatori, con Adusbef e Federconsumatori che calcolano che i rincari significheranno 4-7 euro in più a pieno e chiedono al Governo di affidare alla Guardia di Finanza ispezioni a campione per verificare la natura degli aumenti. Anche l'Adiconsum chiede controlli ferrei sui petrolieri, ma anche che si dia il via all'accisa mobile. Mentre la Cisl chiede di sterilizzare i rincari attraverso una diminuzione delle accise.

Intanto sul tema interviene anche il Garante degli scioperi, che ha convocato mercoledì 17 luglio i rappresentanti delle compagnie petrolifere Shell Italia, Eni, Tamoil Italia, Total Erg, Esso Italiana, Kuwait Petroleum Italia, Api, e il concessionario Autostrade per l'Italia per discutere i temi oggetto della vertenza che ha portato alla proclamazione dello sciopero. Una convocazione che non intende scongiurare lo stop, che anzi l'Autorità ritiene "conforme alla legge".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS