Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Marcello Dell'Utri in una foto del 2010

Keystone/AP/ALBERTO RAMELLA

(sda-ats)

"Sono particolarmente critiche" le condizioni di salute di Marcello Dell'Utri, già braccio destro dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi, ricoverato nel reparto infermeria del carcere romano di Rebibbia.

Lo ha rivelato oggi il Garante nazionale italiano per i detenuti, che ha fatto una visita in carcere, dove lex senatore di Forza Italia sconta una pena di sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

La delegazione del Garante nazionale spiega che "tra i detenuti ricoverati ha incontrato anche Marcello Dell'Utri, da tempo ospite della sezione, e ha avuto modo di approfondire le informazioni sul suo attuale stato di salute".

Il Garante "esprime seria preoccupazione per le condizioni evidenziate in atti documentali e auspica che ogni decisione in merito al suo caso, da parte della Magistratura di sorveglianza non vada al di là di tempi ragionevoli, al fine di tutelare, qualunque sia la forma che verrà decisa, la sua salute, che referti medici riportano come particolarmente critica".

Marcello Dell'Utri ha avuto un "ruolo decisivo" per 18 anni, dal 1974 al 1992, nel farsi garante degli accordi tra Silvio Berlusconi e Cosa nostra, aveva scritto la Corte di Cassazione italiana nelle motivazioni, depositate il primo luglio 2014, in cui spiegava il perché, il 9 maggio precedente, aveva messo il definitivo nullaosta alla pena di 7 anni di reclusione nei confronti dell'ex senatore condannato per concorso esterno in associazione mafiosa.

SDA-ATS