Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I Palombari del comando operativo subacqueo italiano hanno distrutto nel mese di luglio oltre duemila ordigni inesplosi ancora presenti nelle acque dei litorali e dei laghi italiani.

L'attività ha riguardato in particolare proiettili di medio e grosso calibro, mine subacquee, bombe da mortaio, bombe d'aereo e bombe a mano e grandi quantitativi di detonatori.

Le attività di bonifica sono state condotte in località Tre Ponti a Livorno, ad Anzio, Messina, Trapani, Taranto, Molfetta, Cagliari, nelle acque dell'isola di La Maddalena e nel litorale campano.

L'intervento più complesso è stato condotto intorno all'isola del Trimelone (lago di Garda) da parte dei Palombari, che stanno operando dal mese di aprile. Oltre diecimila gli ordigni inesplosi o parti di essi che sono state ripescati dai fondali al largo di Brenzone, dove nel 1954 saltò in aria una polveriera militare, disseminando il proprio contenuto in acqua.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS