Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: esplode un'autocisterna, 2 morti e 18 feriti nel reatino

La coltre di fumo sprigionata dall'esplosione.

KEYSTONE/AP ANSA/EMILIANO GRILLOTTI

(sda-ats)

Prima le fiamme, poi il boato e l'esplosione. Il serbatoio dell'autocisterna parte come un missile, attraversa la strada e finisce a 200 metri di distanza. Le fiamme e i detriti travolgono soccorritori e passanti.

Per due di loro, un vigile del fuoco e un uomo che si era fermato a bordo strada incuriosito dalla nube di fumo, non c'è nulla da fare. È quanto accaduto in Italia a Fara Sabina, in provincia di Rieti.

Per altre 18 persone, invece, parte la corsa negli ospedali tra Roma e Rieti. Sono ferite, ma nessuno, per fortuna, rischia la vita. Sono quasi tutti soccorritori, operatori del soccorso medico o vigili del fuoco, che erano intervenuti per mettere in sicurezza quel distributore di benzina che in qualche minuto si è trasformato in una bomba a cielo aperto.

Era da poco passata l'ora di pranzo quando un'autocisterna ferma ad un distributore sulla via Salaria, all'altezza del comune di Fara Sabina, nel Reatino, viene avvolta dalle fiamme, probabilmente sprigionatesi durante le operazioni di travaso del gpl. I vigili del fuoco provano a domare le fiamme, ma l'esplosione li travolge e li scaraventa a decine di metri di distanza. Le fiamme, raccontano gli inquirenti, si sono propagate per un centinaio di metri, a due passi dalle case.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.