Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un imprenditore edile del Veneto si è visto di fatto bloccare l'attività per aver evaso un centesimo. Una vicenda che appartiene all'assurdo, secondo il senatore Antonio De Poli (UDC), pure lui veneto, il quale promette di presentare lunedì un'interrogazione al ministro della pubblica amministrazione.

"Il Veneto non ci sta a essere preso in giro. Il Governo deve passare dagli annunci ai fatti concreti: la burocrazia è il nemico principale delle piccole e medie imprese. Questo caso è eclatante", afferma il senatore.

L'imprenditore, per una evasione da un centesimo di euro, si è visto negare il Durc (documento unico di regolarità contributiva), il che comporta il blocco di un'azienda. Senza Durc non si possono avviare nuove commesse nel pubblico: per partecipare alle gare d'appalto bisogna essere in regola. Inoltre, non è possibile ricevere i pagamenti per i lavori svolti.

SDA-ATS