Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - "Non darò le dimissioni da presidente della Camera", ha confermato Gianfranco Fini nel corso di una conferenza stampa tenuta nel pomeriggio e convocata dopo la rottura con il premier italiano Silvio Berlusconi.
Il gruppo che nascerà dai deputati e senatori che hanno lasciato il Popolo della libertà (Pdl) "è formato di uomini e donne liberi che sosterranno lealmente il governo ogni qual volta saranno prese scelte nel solco del programma elettorale e lo contrasteranno se le scelte saranno ingiustamente lesive dell'interesse generale", ha aggiunto.
Secondo Fini, quella di Silvio Berlusconi è una "concezione non proprio liberale della democrazia" e viene dimostrato "dall'invito a dimettermi dalla presidenza di Montecitorio perché è venuta meno la fiducia del Pdl". "Ieri sera in due ore e senza poter esprimere le mie ragioni - ha aggiunto - sono stato di fatto espulso dal partito che ho contribuito a fondare".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS