Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei primi cinque mesi del 2014 gli sbarchi via mare in Italia hanno superato quota 43mila, con l'ondata di 3.000 registrati nelle ultime ore. Quando mancano ancora sette mesi alla fine dell'anno, è stato così già raggiunto il totale dei migranti arrivati sulla Penisola nell'intero 2013.

A questo punto è a serio rischio il record del 2011, l'anno delle primavere arabe e della guerra in Libia, quando sbarcarono in Italia quasi 63mila persone. Il trend migratorio, infatti, come ha spiegato lo stesso ministro dell'Interno italiano, Angelino Alfano, pochi giorni fa al Comitato Schengen, è in crescita.

La gran parte delle partenze (oltre il 90%) avviene dalle coste della Libia, dove l'instabilità politica impedisce qualsiasi tentativo di controllo. Eritrei e siriani le nazionalità più rappresentate.

Il grande numero di arrivi sta mettendo a dura prova il sistema di accoglienza.

SDA-ATS