Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grillo non ha il potere di veto sulle decisioni delle assemblee telematiche, afferma il giudice

Keystone/EPA ANSA/MASSIMO PERCOSSI

(sda-ats)

Sconfitta per Beppe Grillo a Genova, dove il fondatore del Movimento 5 stelle (M5s) aveva sconfessato la candidata votata dal suo stesso movimento alla carica di sindaco affermando "fidatevi di me".

Anche se Beppe Grillo è il "capo politico" del Movimento 5 Stelle non ha il potere di veto sulle decisioni delle assemblee telematiche", scrive il giudice Roberto Braccialini nell'ordinanza con cui ha accolto l'istanza di Marika Cassimatis. -

Il giudice ha fissato alcuni principi fondamentali per tutta la vicenda del "caso Genova". "Nonostante non sia particolarmente agevole ricostruire le regole organizzative del Movimento e l'istanza dirigista riconosciuta a Grillo, quest'ultimo non ha un potere di intervento nel procedimento di selezione delle candidature".

Soddisfatta ovviamente l'interessata. "A questo punto risulto la candidata sindaco del Movimento 5 Stelle per le amministrative di Genova, essendo state accolte le istanze che avevamo presentato" ha detto Marika Cassimatis a Tgcom24. "Siamo molto contenti per questa vittoria e spero che ci sia un incontro di chiarimento con lo staff e con Beppe Grillo" ha poi aggiunto.

"Questa è una vittoria politica, non solo legale. È la vittoria del rispetto delle regole, della democrazia, della legalità e della trasparenza su cui il Movimento fonda la sua esistenza", ha detto ancora.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS