Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Oggi festeggiamo il "Restitution Day": il Movimento 5 Stelle restituisce 1,5 milioni di euro allo Stato. "È la dimostrazione che si può fare politica con uno stipendio più piccolo rispetto agli altri. È un gesto per dare l'esempio", ha detto Riccardo Nuti, capogruppo del M5S alla Camera, in una conferenza stampa. In seguito i "grillini" hanno srotolato un mega-assegno in piazza Montecitorio.

La somma, sottratta dalle indennità parlamentari e dalle diarie, è stata raccolta per i tre mesi appena trascorsi e andrà ad un fondo di ammortamento del debito pubblico.

"Noi siamo nati per moralizzare la politica. Oggi è un grande giorno perché restituiamo l'eccedenza delle nostre diarie. Gli altri partiti seguano il nostro esempio", ha detto da parte sua Nicola Morra, presidente dei senatori del M5S, aggiungendo che "se gli altri facessero come noi si risparmierebbero 40 milioni l'anno".

"Oggi abbiamo mantenuto fede ad un impegno. Per noi coerenza e valori sono una cosa importante, abbiamo fatto quello che avevamo promesso", ha dichiarato Morra. "Abbiamo versato nel conto per l'ammortamento dei titoli del debito pubblico un milione e mezzo di euro - ha aggiunto - vogliamo dimostrare che i costi della politica si possono abbattere drasticamente".

I "grillini" hanno poi denunciato che la loro proposta di rendicontare tutte le spese dei parlamentari "è insabbiata da tre mesi nell'ufficio dei Questori" alla Camera e hanno chiesto l'intervento della presidente Laura Boldrini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS