Navigation

Italia: laboratori lager, 150 euro mese per lavorare come schiavi

Nei pressi di Ivrea (foto) due imprenditori cinesi pagavano , oltretutto in nero, circa 150 euro al mese una trentina di operai, cinesi, italiani e romeni, che erano sottoposti a condizioni di lavoro disumane e turni dalle nove del mattino a mezzanotte senza pausa. KEYSTONE/EPA ANSA/ALESSANDRO DI MARCO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2019 - 21:58
(Keystone-ATS)

Condizioni di lavoro disumane, paghe da fame, turni massacranti: nei pressi di Ivrea (Torino), una trentina di operai cinesi, italiani e romeni erano sottoposti da parte di due imprenditori cinesi a condizioni di sfruttamento nel più totale degrado.

Lo ha scoperto la guardia di finanza di Torino ispezionando tre capannoni di Agliè, Cuceglio e Montalenghe, a due passi da Ivrea.

Le indagini dei finanzieri hanno portato alla luce un'impresa che, per un salario di circa 30 centesimi l'ora, sfruttava gli operai lasciandoli vivere in condizioni disumane.

A Montalenghe, sotto casa dei genitori dei due imprenditori coinvolti, tra lettini per riposare ed una cucina improvvisata, erano state installate le macchine per cucire e accatastate montagne di pellami pronti per la lavorazione. L'azienda, infatti, confezionava prodotti destinati a noti marchi automobilistici internazionali.

I finanzieri hanno scoperto che le retribuzioni erano decisamente inferiori a quelle spettanti dai contratti collettivi: gli operai incassavano, oltretutto in nero, circa 150 euro al mese (165 franchi svizzeri). I titolari erano in grado di sfruttare il lavoro dei dipendenti, molti dei quali loro connazionali, violando le più basilari norme sull'orario di lavoro, sul riposo settimanale e sulle ferie.

Carenti, come accertato dagli investigatori, anche le norme in materia di sicurezza e igiene. Nei capannoni non c'era nemmeno l'impianto di riscaldamento. I lavoratori erano inoltre continuamente monitorati a distanza attraverso un sistema di videosorveglianza.

A Montalenghe venivano fatti alloggiare direttamente sul posto di lavoro. Con lettini, fornelletti elettrici o a gas, bagno in comune, spesso non funzionante, tanto che i lavoratori erano costretti ad espletare i bisogni dentro buste di plastica. Nei tre capannoni la luce naturale era oscurata da pannelli che impedivano la visuale, anche per impedire ad occhi indiscreti di curiosare all'interno.

I dipendenti iniziavano a lavorare alle nove del mattino e terminavano a mezzanotte, senza alcun tipo di pausa. Era consentito al massimo un pasto consumato in mezzo a scatoloni e macchinari.

Ora gli stabilimenti sono stati sigillati. I due imprenditori cinesi, una donna di 28 anni e un uomo di 26, dovranno rispondere di sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Tuttavia gli accertamenti della procura di Torino non sono ancora finiti: vista la particolare situazione in cui lavoravano i trenta dipendenti dell'azienda non è escluso che nei prossimi giorni la posizione dei due imprenditori si aggravi, fino all'accusa di riduzione in schiavitù, reato che prevede una pena sino a 20 anni di carcere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.