Navigation

Italia: Lombardia, sequestrate 3 case ex consigliere Lega

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2013 - 13:18
(Keystone-ATS)

Il gip di Milano, Chiara Valori ha sequestrato tre appartamenti dell'ex capogruppo regionale della Lega, Stefano Galli, e del genero, per truffa aggravata per erogazione indebita di fondi pubblici. Galli, già indagato per peculato in merito ai rimborsi illeciti al Pirellone, avrebbe dato al genero una 'finta' consulenza per quasi 200 mila euro

Il sequestro ai fini di un'eventuale confisca - richiesto dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dai pm Paolo Filippini e Antonio D'Alessio - è stato disposto per un importo equivalente alla presunta 'fintà consulenza e per il reato di "truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche".

La 'figurà di Galli - uno dei 91 ex consiglieri del Pirellone indagati per peculato nell'inchiesta milanese sui rimborsi illeciti con i fondi dei gruppi consiliari - era già emersa nelle scorse settimane quando si era saputo che l'allora capogruppo leghista si era fatto rimborsare anche una ricevuta da oltre seimila euro per il banchetto nuziale della figlia.

Poi l'ex consigliere si era scusato con dichiarazioni pubbliche e aveva annunciato la restituzione di quei soldi che avrebbe 'incassatò illecitamente. Galli non è stato nè candidato nè rieletto alle elezioni regionali.

Stando alle indagini dei pm, inoltre, Galli, quando era capogruppo del Carroccio, ha affidato a suo genero (un operaio che ha come titolo di studio la terza media) una consulenza per la "valutazione dell'attività legislativa attinente i rapporti tra Regione ed enti locali con particolare attenzione alla provincia di Lecco a supporto dell'attività del consigliere Stefano Galli".

Per un valore di oltre 196 mila euro in due anni. Da qui l'accusa di truffa e la notifica da parte dei militari della Gdf milanese del decreto di sequestro disposto dal gip e relativo, da quanto si è appreso, a due appartamenti di Galli e ad uno del genero, tutti collocati, a quanto pare, in Valsassina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.