Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sicuramente questo luglio si segnalerà tra i più caldi di sempre se non il più caldo. Parola degli esperti meteo che sottolineano come siamo in presenza di un'ondata di caldo decisamente anomala per intensità e durata.

Ne sanno qualcosa gli abitanti delle grandi città italiane nella morsa del caldo torrido e dell'umidità alle stelle, con il codice rosso "esposto" da giorni, ma la calura non risparmia neanche i comuni in quota, come dimostrano i 29 gradi di Cortina d'Ampezzo.

A rischio sono soprattutto gli "over 65", dove si registra uno "tsunami di malori e di accessi" nei pronto soccorso. "Considerando solo luglio e non l'estate nella sua interezza, si tratta dell'ondata di caldo più intensa da 70 anni a questa parte". Parola di Edoardo Ferrara, meteorologo italiano.

"Stiamo sperimentando - aggiunge Ferrara - un'ondata di caldo decisamente anomala per intensità e durata. Se nel week-end è previsto un lieve calo termico al Nord con qualche temporale soprattutto sulle Alpi, nella prossima settimana saremo interessati da una nuova fiammata africana con temperature superiori talora ai 36-37 gradi da Nord a Sud. Anche in tal frangente non si esclude qualche picco prossimo ai 39-40 gradi sulle aree interne specie del Centrosud, specie tra martedì e giovedì prossimo".

Luglio 2015 potrebbe addirittura diventare il più caldo di sempre in Italia. Ma anche in altri Paesi europei la canicola si sta facendo sentire, eccome. In Spagna, per esempio, nel piccolo comune di Ador, vicino a Valencia, il sindaco dalle 14 alle 17 ordina la siesta per tutti e, nei Balcani, è allarme incendi per le temperature oltre i 40 gradi.

E l'afa fa sentire i suoi effetti anche sulle Alpi. Per evitare incidenti le autorità francesi hanno vietato l'ascesa lungo la propria via normale al Monte Bianco. Lo zero termico a 4'500 metri causa lo scioglimento del ghiaccio che tiene assieme le pietre instabili, provocando pericolose scariche. Ieri due vittime: un alpinista francese, travolto dai sassi nel canale del Gouter, e uno svedese, precipitato sul Brévent.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS