Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuovo allarme al palazzo di giustizia di Palermo: alcuni confidenti hanno riferito di un progetto di attentato al tribunale del capoluogo siciliano. La notizia è stata confermata in ambienti giudiziari. Il Comitato provinciale per l'ordine pubblico si è riunito oggi d'urgenza per discutere l'adozione di nuove misure di sicurezza.

Secondo indiscrezioni, fonti confidenziali che gravitano in ambienti della criminalità organizzata hanno parlato in dettaglio di un imminente progetto di attentato all'interno del tribunale. Alla riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza pubblica provinciale, che si è svolta in prefettura, hanno partecipato esponenti delle forze dell'ordine e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Da mesi i magistrati palermitani sono nel mirino di minacce e intimidazioni: dagli anonimi con indicati in dettaglio gli spostamenti del pm Nino Di Matteo, alle parole del boss Totò Riina contro il pool che indaga sulla trattativa Stato-mafia.

Minacce che hanno fatto scattare il potenziamento delle misure di sicurezza sia per Di Matteo che per i pm Vittorio Teresi, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia e hanno indotto il Procuratore di Palermo a interdire ai non addetti ai lavori l'accesso dell'ala del tribunale in cui si trovano le stanze di alcuni pm della Direzione distrettuale antimafia.

SDA-ATS