Navigation

Italia: mafia, no domiciliari per Giovanni Brusca

Niente domiciliari per Giovanni Brusca, coinvolto nella strage di Capaci dove venne ucciso Giovanni Falcone. KEYSTONE/AP/BRUNO MOSCONI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2019 - 07:27
(Keystone-ATS)

Niente arresti domiciliari per Giovanni Brusca, in carcere da 23 anni per la strage di Capaci e altri crimini efferati come aver sciolto nell'acido il figlio tredicenne del pentito Giuseppe Di Matteo.

A decidere che il boss mafioso resti in carcere, a Rebibbia dove è recluso, è stata la prima sezione penale della Corte di Cassazione, dopo che la Procura nella sua requisitoria aveva chiesto di negare i domiciliari chiesti da Brusca perché non si sarebbe ravveduto a sufficienza.

Anche Maria Falcone che da anni custodisce la memoria del fratello Giovanni, ucciso nel 1992 dal tritolo di Cosa Nostra insieme alla moglie e agli uomini della scorta, è contraria ad altri benefici per il killer che da anni cerca di uscire dalla cella e scontare la pena in una località protetta dal Servizio centrale di protezione della polizia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.