Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sei milioni di euro sottratti dalle casse dell'Esercito nel periodo compreso fra il 2010 e il 2013. Con quest'accusa un commercialista, un imprenditore ed un pensionato campani sono stati arrestati, mentre un sottufficiale dell'Esercito, ideatore del raggiro, è stato sospeso e rimosso dal suo incarico. La sua posizione è ora al vaglio della Procura Militare.

Il maresciallo con i soldi sottratti comprava auto, case, si pagava le vacanze e finanziava anche il suo hobby essendo un cantante amatoriale.

A notare l'anomalia nei conti dell'Esercito e a denunciare la truffa ai Carabinieri di Roma sono stati i responsabili del Centro Amministrativo della Difesa. In seguito, l'analisi della documentazione bancaria, le intercettazioni telefoniche, le indagini patrimoniali e le testimonianze di decine di persone, coinvolte, hanno permesso alla Guardia di Finanza e ai Carabinieri di ricostruire l'intera vicenda.

Oltre agli arresti, altre 40 risultano indagate per peculato militare, riciclaggio e reimpiego di denaro di provenienza illecita.

Secondo gli inquirenti, il sottufficiale dell'Esercito, un maresciallo che ricopriva l'incarico di cassiere del Centro Amministrativo, è la mente del raggiro: abusando della sua posizione si è impossessato, tra il 2010 e il 2013, di 6 milioni di euro sottraendoli da un conto corrente, normalmente usato per il pagamento degli stipendi ai dipendenti attraverso dei bonifici.

I soldi, una volta prelevati dalle casse dell'Esercito, erano reimpiegati per fini personali dallo stesso maresciallo che li usava per pagare vacanze o acquistare auto e case. O addirittura per finanziare la sua attività di cantante amatoriale.

Complice del maresciallo è un commercialista che materialmente provvedeva a far confluire il denaro dal conto corrente dell'Esercito su altri conti, intestati a decine di persone diverse. In tutto si tratta di 40 intestatari, anch'essi coinvolti nelle indagini. Gli altri due arrestati, l'imprenditore e il pensionato, si occupavano, invece, di "reclutare" soprattutto nella provincia di Napoli persone "compiacenti" disposte a far confluire sul proprio conto il denaro sottratto illecitamente.

SDA-ATS