Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Black out dell'informazione oggi in Italia per uno sciopero dei giornalisti contro il progetto di legge del governo di Silvio Berlusconi, che intende limitare il ricorso della magistratura alle intercettazioni telefoniche e punire i media che ne pubblichino stralci.
Per la Federazione nazionale dei giornalisti si tratta di una simbolica giornata di silenzio per mostrare all'opinione pubblica le conseguenze che potrebbe avere la nuova normativa sulla libertà di stampa. Da stamane alle 7 e fino a domani alla stessa ora le agenzie hanno smesso di trasmettere i loro dispacci, i siti internet non sono aggiornati e radio e tivù non mandano in onda informazioni.
Anche quasi tutti i giornali sono assenti dai chioschi, con l'eccezione del Giornale, il quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi. In un video sul sito internet il direttore Vittorio Feltri afferma di non essere soddisfatto della cosiddetta "legge bavaglio", ma di essere contrario alla mobilitazione in atto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS