Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: monsignor Viganò condannato, deve risarcire fratello

Monsignor Carlo Maria Viganò, vescovo ed ex Nunzio apostolico negli Stati Uniti, dovrà pagare 1,824 milioni di euro al fratello per avergli sottratto l'eredità paterna.

KEYSTONE/AP/GREGORIO BORGIA

(sda-ats)

Monsignor Carlo Maria Viganò, vescovo ed ex Nunzio apostolico negli Stati Uniti, dovrà pagare 1,824 milioni di euro al fratello per avergli sottratto l'eredità paterna, secondo quanto deciso da un giudice monocratico civile di Milano il 9 ottobre scorso.

Secondo quanto si legge su alcuni quotidiani, monsignor Viganò dovrà risarcire il fratello Lorenzo, anche lui prete, per aver gestito autonomamente l'eredità avuta dal padre che, nel 2010, ammontava a 7 milioni in contanti e quasi 20 milioni e mezzo in beni immobili.

Nel corso della causa civile, è emerso che monsignor Viganò "ha beneficiato di operazioni per un importo netto di 3 milioni e 649mila euro" e "di fondi pagati a suo favore per 4 milioni e 800mila euro", mentre al fratello sono arrivati complessivamente un milione e 700 mila euro". Da qui la sentenza emessa dalla giudice Susanna Terni per bilanciare tra i due fratelli i proventi dell'eredità del padre.

Mons. Viganò è stato promotore di una lettera in cui ha chiesto le dimissioni del Papa, richiesta poi ritirata, per la questione pedofilia.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.