Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È morto Alberto Musy, il consigliere comunale di Torino ferito in un agguato nel marzo del 2012. Colpito da alcuni proiettili di pistola sotto la sua abitazione, da allora era entrato in coma e non si era più ripreso.

La morte di Musy, che da mesi si trovava in una clinica di lungodegenza a Santena (Torino), è stata confermata da fonti della questura di Torino.

Musy, nel 2011 candidato sindaco di Torino per il Terzo Polo, era stato ferito il 21 marzo 2012 sotto la sua abitazione, in via Barbaroux, da un uomo che indossava un casco da motociclista. Lascia la moglie, Angelica Corporandi d'Auvare e le quattro figlie di 13, 11, 9 e 3 anni.

Per quell'agguato è in carcere dallo scorso 29 gennaio Francesco Furchì, faccendiere che secondo le indagine della squadra mobile e della procura di Torino agì animato da rancori personali. Proprio oggi, in Tribunale a Torino, era prevista la sua deposizione nel processo che lo vede imputato con l'accusa di tentato omicidio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS