Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TRENTO - Morto da vent'anni nella sua abitazione ormai fatiscente, dimenticato dai compaesani che lo credevano lontano. Questo il destino per un uomo di Cadine, paese alle porte di Trento, nato nel 1927. Il suo corpo mummificato è stato trovato solo perchè qualcuno si è preoccupato del cedimento del tetto dell'edificio.
La vicenda ha come teatro Cadine, sobborgo di Trento, posto sulle pendici del Monte Bondone, divenuto famoso perché residenza di Ida Dalser, l'ex moglie segreta di Benito Mussolini. Nella parte antica del paese, c'è quell'edificio, da tutti considerato abbandonato.
"Sinora avevo dovuto rinunciare a vendere quella casa, proprio perché non riuscivo a rintracciarlo", dice il fratello della vittima, di 72 anni. Anche lui abita a Cadine, nelle stessa strada della casa maledetta.
Oggi, dopo tanti anni, dell'uomo scomparso si è tornato a parlare. Il geometra del paese, incaricato di fare un sopralluogo dopo che qualcuno aveva notato il tetto dell'edificio sfondato, è entrato finalmente in quella casa. Con difficoltà ha raggiunto il piano rialzato, dato che la scala era ceduta, e qui ha fatto la macabra scoperta. Il corpo mummificato dell'uomo era disteso su una branda, vestito, coperto da un piumino, accanto un posacenere e una nazionale con filtro. Nella tasca della giacca i carabinieri hanno trovato una piccola somma in lire. Per il medico legale non ci sono dubbi: la morte è dovuta a cause naturali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS