Navigation

Italia: morto il semiologo Omar Calabrese

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2012 - 16:39
(Keystone-ATS)

È morto sabato sera per un infarto a 63 anni nella sua casa di Monteriggioni - nella campagna senese - il semiologo Omar Calabrese. Calabrese era il maggior divulgatore della disciplina da lui insegnata prima all'Università di Bologna, dove fu assistente di Umberto Eco, e poi all'Università di Siena, dove, come semiologo delle arti, aveva creato una sua scuola di studi.

Calabrese, che era anche un massmediologo, si era occupato del linguaggio della comunicazione televisiva, specie quella dei telegiornali degli anni Settanta e Ottanta, su cui aveva scritto libri di successo.

È stato un intellettuale militante, un protagonista di molte battaglie della cultura progressista, iniziate al tempo della sua direzione della rivista "Alfabeta" (1980-1990), il mensile che raccoglieva le firme, tra gli altri, di Nanni Balestrini, Maria Corti, Antonio Porta, Umberto Eco, Pier Aldo Rovatti e Paolo Volponi.

Calabrese ha diretto "Rivista illustrata della comunicazione" e "Metafore" e ha fondato "Carte semiotiche", collaborando ad altri periodici come "Casabella", "Viceversa", "Estudios semioticos", "Versus - Quaderni di studi semiotici".

Come giornalista ha collaborato con "Il Corriere della sera", "Panorama", "El Pais", "La Repubblica", "L'Unita"'. Ha esercitato critica televisiva e curato programmi televisivi per Rai, Mediaset e la spagnola Tve.

Come professore di semiologia delle arti, Calabrese ha compiuto numerose ricerche sia nell'ambito della comunicazione visiva sia in campo strettamente artistico sia nell'area dei mass media. Ha al suo attivo molte pubblicazioni, tradotte in varie lingue.

Calabrese ha affiancato il suo impegno accademico a quello politico. È stato consigliere comunale a Bologna e assessore alla Cultura del Comune di Siena.

Omar Calabrese si laureò in lettere moderne nel 1971 e iniziò la carriera accademica come borsista, quindi professore incaricato e professore associato presso l'Università di Bologna, al corso di laurea Dams, dove ebbe come maestro Umberto Eco.

Lasciato l'Ateneo bolognese, nel 1993 divenne professore ordinario di semiotica presso l'Universita di Siena, insegnando al corso di laurea in scienze della comunicazione e rivestendo la carica di direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione e di direttore della Scuola Superiore di Studi Umanistici dell'Universita di Siena.

Ha insegnato come visiting professor presso l'Ecole des Hautes Etudes di Parigi, le Universita di Bilbao, Barcellona, Aarhus (Danimarca). Ha diretto la Escuela de Verano dell'Università di Granada. Ha tenuto corsi in quasi tutte le universita italiane, e in prestigiose universita straniere, come Yale , Harvard, la Technische Universitat di Berlino, le Universita di Bogotà, Buenos Aires, Londra, Zurigo, Thessaloniki, Praga, Vienna, Mannheim, Porto, Tours, Amsterdam.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?