Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si è spento ad 89 anni a Bologna il poeta Roberto Roversi. Era malato da parecchio tempo. L'intellettuale, scrittore ed ex partigiano aveva composto anche molte canzoni, alcune delle quali interpretate da Lucio Dalla.

Roversi ha scritto moltissimo: romanzi, versi, testi teatrali e 'fogli sparsi', come amava dire. Era stato anche direttore del giornale Lotta Continua.

Nel 1955 fondò la rivista Officina con Francesco Leonetti e Pier Paolo Pasolini. Nel 1961 diede alla luce anche Rendiconti, di cui recentemente si pensava a una riedizione. Di entrambe le riviste è stato anche editore, scegliendo verso la metà degli anni Sessanta di non pubblicare più con i grandi editori, preferendo addirittura fogli fotocopiati distribuiti autonomamente, quando non collaborava con piccole realtà autogestite.

Negli anni Settanta scrisse diversi testi per Lucio Dalla: per gli album Il giorno aveva cinque teste, Anidride solforosa e, sotto pseudonimo, Automobili; poi anche per gli Stadio (Chiedi chi erano i Beatles, ma anche 'Doma il mare, il mare doma' dedicata a Maradona).

Nel 2006 ha chiuso i battenti la libreria antiquaria Palmaverde di Bologna che Roversi ha gestito dal 1948 insieme alla moglie Elena. Nel 2007 gli morì di cancro il figlio, Antonio, sociologo all'Università di Bologna. Nel 2010 editò in cinquanta esemplari fuori commercio la versione integrale del poema 'L'Italia sepolta sotto la neve'.

"Ci lascia un grande scrittore, un grande artista di Bologna, un intellettuale a tutto tondo che ha attraversato la storia del '900", ha dichiarato all'agenzia Adnkronos l'assessore alla Cultura del Comune di Bologna, Alberto Ronchi, appresa la notizia della sua scomparsa. "Roversi è stato uno dei poeti più importanti d'Italia e non solo", ha aggiunto Ronchi.

"È l'ennesimo lutto del modo della cultura bolognese, se ne va uno dei più grandi intellettuali che questa città abbia avuto. Una grande perdita", ha detto da parte sua il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ricordando Lucio Dalla e lo scrittore Stefano Tassinari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS