Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono stati accompagnati alla frontiera cinque stranieri - fra cui tre donne svizzere - fermati, identificati e denunciati ieri mattina in prossimità del campeggio del movimento No Tav a Chiomonte (Torino). Numerosi "oggetti atti a offendere" sono stati trovati a bordo dell'auto su cui circolavano.

Le tre svizzere sono state scortate fino a Chiasso, un cittadino francese fino a Modane, mentre un greco è stato imbarcato per Atene. Ieri in serata il tribunale aveva convalidato il decreto di espulsione emesso dal questore.

I cinque stranieri sono stati fermati dai carabinieri mentre erano diretti al campeggio No Tav a bordo di una Renault Clio carica di caschi protettivi, maschere antigas, coltelli, protezioni per il corpo bulloni. Ieri erano stati indicati come due francesi, un belga, uno svizzero e un greco.

Il movimento No Tav (sigla di treno ad alta velocità) si oppone alla realizzazione in val Susa (provincia di Torino) della nuova linea ferroviaria Torino-Lione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS