Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scontri tra manifestanti e polizia in Val di Susa, dove stamattina è partita la marcia No Tav organizzata dal movimento per protestare contro il treno ad alta velocità e le grandi opere.

Una sessantina di persone, tutte vestite di nero, si è portata in testa al corteo raggiungendo lo sbarramento della polizia e lanciando contro gli agenti pietre e artifici pirotecnici. Altre persone dello stesso gruppo hanno, invece, cercato di agganciare con delle corde le reti che delimitano l'area del cantiere, provando ad abbatterle. Per respingere l'attacco, la polizia ha lanciato alcuni lacrimogeni e ha utilizzato l'idrante. Dopo alcuni minuti di tensione, la situazione pare essere tornata alla normalità.

Il corteo No Tav di circa 1200 persone è partito stamattina da Exilles, violando l'ordinanza del Prefetto di Torino e le prescrizioni del Questore di Torino, e quindi decidendo di imboccare la strada provinciale 233 che conduce al limite dell'area protetta in Val Clarea, dove sorge il cantiere dell'alta velocità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS