Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuovo record del debito pubblico italiano a marzo. Secondo i dati di Bankitalia, contenuti nel Supplemento "Finanza pubblica, fabbisogno e debito", il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 14,0 miliardi rispetto a febbraio, salendo a 2.228,7 miliardi.

L'incremento del debito, si legge nel Bollettino, è stato inferiore al fabbisogno del mese (21,5 miliardi), grazie alla riduzione di 4,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine marzo pari a 70,0 miliardi; 78,9 miliardi nello stesso periodo del 2015) e all'effetto complessivo dell'emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all'inflazione e del deprezzamento dell'euro (2,9 miliardi).

Con riferimento ai sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 13,9 miliardi; quello delle Amministrazioni locali e degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a marzo a 27,8 miliardi, sostanzialmente stabili rispetto allo stesso mese del 2015. Nel primo trimestre del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 89,6 miliardi, superiori di 3,9 miliardi (4,6 per cento) rispetto a quelle relative allo stesso trimestre dell'anno precedente. Al netto di alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l'Irpef, l'IVA e il canone Rai), si può stimare che la crescita sia stata significativamente più modesta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS