Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Più acqua dai laghi subalpini, in particolare quello di Garda e di Como, per aumentare la portata del Po contro gli effetti della siccità ed evitare la risalita dell'acqua di mare lungo il corso del fiume.

Questo quanto deciso dal Comitato istituzionale dell'Autorità di bacino del fiume Po, presieduto dal ministro italiano dell'ambiente Gian Luca Galletti, che ha approvato all'unanimità una delibera contro la crisi idrica della zona padana.

Le deroghe hanno una durata di dieci giorni. Sono interessati anche i laghi di Iseo e Idro.

"Verrà in sostanza aumentato il rilascio d'acqua dai laghi interessati: il Lago di Garda aumenterà di 15 metri cubi al secondo il suo attuale deflusso (da 60 a 75), rispettando il livello minimo di regolazione necessario a garantire il funzionamento degli acquedotti che si approvvigionano dalle acque lacustri. Per quanto riguarda il Lago di Como, il suo livello potrà essere abbassato di dieci centimetri: dal limite minimo di regolazione di meno 0,5 metri a meno 0,6", spiega il ministero italiano dell'ambiente.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS