Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Massacrata a calci e pugni per farsi dare la combinazione della cassaforte di casa che neppure conosceva. Tre uomini, due italiani e un romeno, sono stati arrestati dalla squadra mobile di Biella per l'omicidio di Vanda Vazzoler, 63 anni. Identificati grazie alle telecamere di sorveglianza della banca vicino alla casa della vittima, a Vigliano, avrebbero già fatto le prime ammissioni.

Gli arresti nella notte fra sabato e domenica, a poco più di 48 ore dal delitto che ha sconvolto gli 8 mila abitanti del paese in provincia di Biella.

La ricostruzione degli investigatori sembra confermare l'ipotesi della prima ora, quella cioè di una rapina finita male. I tre malviventi, che secondo quanto si apprende non avrebbero nessun legame con la famiglia della vittima, si sarebbero spacciati per addetti alla manutenzione del condominio. Una scusa per farsi aprire dalla donna - descritta da tutti come schiva e riservata - la porta di casa, sulla quale la polizia scientifica non ha trovato segni di scasso.

Poi la mattanza: calci e pungi contro una vittima inerme, fisico minuto, impossibilitata a reagire perché legata. Sarà l'autopsia, dopo i primi accertamenti medico legali eseguiti ieri, a stabilire se ad uccidere Vanda Vazzoler siano state le botte oppure lo choc per l'aggressione sfuggita di mano ai malviventi. Che sono poi fuggiti senza riuscire ad aprire la cassaforte né a portare via altri beni: l'orologio d'oro era ancora al polso della vittima e la pensione, soldi contanti, sono rimasti nel cassetto in cui venivano di solito conservati.

Dopo i primi interrogatori, e le testimonianze dei famigliari della vittima e dei vicini di casa, l'attenzione degli investigatori si sarebbe subito concentrate sui filmati delle telecamere di sorveglianza. Un lavoro attento e scrupoloso, che ha consentito di eseguire tre fermi in poco più di due giorni. A confessare per primo, ma gli inquirenti non confermano, sarebbe stato un quarto uomo, il "palo" della banda: "Posso avere sulla coscienza un furto, ma non un omicidio", avrebbe detto nel corso dell'interrogatorio l'uomo, che è stato denunciato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS