Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono stati recuperati negli Stati Uniti dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (Tpc) tre splendidi affreschi del I secolo a.C. razziati nel 1957 dai locali della Soprintendenza di Pompei.

Appartenevano, secondo quanto si apprende, alla collezione privata di un magnate americano deceduto e dovevano andare in asta.

I tre affreschi ritrovati negli Usa - in collaborazione con l'Istituto nazionale italiano per il commercio estero (Ice) - raffigurano una giovane donna con amorino sulla spalla, una figura maschile e una figura femminile con oinochoe.

Nel 1957 erano stati rubati dall'ufficio Scavi della Soprintendenza Archeologica di Pompei insieme con altri tre affreschi poi recuperati dai carabinieri dei beni culturali, nel corso degli anni, in Europa e negli Stati Uniti.

Si tratta di un affresco con un pavone, ritrovato in Svizzera, di un ritratto di Dioniso che era finito in Gran Bretagna e infine di una Ministra sacrificante recuperata negli Usa. I particolari del ritrovamento in una conferenza stampa che si terrà oggi a Roma alle 11 nel Comando di via Anicia alla presenza del ministro di Beni culturali e turismo, Dario Franceschini, e dell'ambasciatore Usa in Italia, John R.Phillips.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS