Navigation

Italia: processo Mills: pm chiede 5 anni per Berlusconi

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2012 - 11:15
(Keystone-ATS)

Cinque anni di carcere per Silvio Berlusconi sono stati chiesti oggi al processo Mills dal pubblico ministero di Milano Fabio De Pasquale.

L'ex premier italiano è accusato di corruzione in atti giudiziari dell'avvocato inglese David Mills, al quale avrebbe versato 600 mila dollari in cambio testimonianze reticenti nei processi sulle tangenti alla Guardia di Finanza e All Iberian. Mills è già stato condannato in primo e secondo grado a quattro anni e mezzo di carcere. La Cassazione, poi, ha dichiarato la prescrizione.

"La difesa di Silvio Berlusconi è basata su carte false" o meglio su una "fittizia sequenza di carte fabbricate o falsificate", ha dichiarato il pubblico ministero De Pasquale nel corso della sua requisitoria. In particolare il magistrato punta il dito sulle movimentazioni effettuate dall'avvocato inglese Mills "per schermare Berlusconi" e "creare cortine fumogene".

Il tema della difesa, e cioè che i 600mila dollari contestati all'imputato provengano in realtà dal patrimonio dell'armatore Diego Attanasio, non convince, secondo il procuratore. "È un tema debole - ha sottolineato il magistrato - perché il patrimonio di Attanasio non ha subito ammanchi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?