Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"I nomi che farò oggi sono di persone capaci di tutto. Sono loro che dirigono la politica e cercheranno di togliermi di mezzo": Esordisce così il pentito messinese Carmelo D'amico, teste al processo sulla trattativa Stato-mafia a Palermo.

Il collaboratore di giustizia sta rispondendo alle domande del pm Nino Di Matteo.

Il pentito messinese, ex capo provinciale di Cosa Nostra, è sottoposto al programma di protezione, ma ha detto di temere per la propria vita e per quella dei suoi familiari che, ancora, non sono stati trasferiti in località protetta.

D'Amico, che si è autoaccusato di una trentina di omicidi e ha parlato di un progetto di attentato a Di Matteo, ha anche rivelato di essersi pentito dopo la scomunica dei mafiosi di Papa Francesco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS