Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"L'accordo di cooperazione con la Svizzera è molto importante per i capitali nascosti della criminalità organizzata ma ci sarà bisogno di cooperazione anche da parte degli altri paradisi fiscali". Lo ha detto il procuratore nazionale italiano antimafia, Franco Roberti, a margine di un incontro con gli studenti dell'università Federico II di Napoli.

Roberti ha ricordato che "il riciclaggio di denaro secondo stime della Banca Italia ammonta nel mondo al 5% del Pil mentre in Italia equivale al 10%, che in termini di euro fanno 120 miliardi l'anno (ndr circa 147 miliardi di franchi)".

"L'accordo - ha spiegato Roberti - sarà importante anche per tutti i capitali illeciti, da qualsiasi fonte provengano, non solo dalle mafie. Bisognerà però farli con tutti i Paesi che proteggono i capitali e sono poco collaborativi, oppure lo sono in maniera solo apparente. Finché non cadrà definitivamente il segreto bancario continueremo a discutere di questo senza costrutto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS