Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo lo sprint iniziale di stamane, l'affluenza alle urne alle 19 per le regionali italiane segna il passo: solo il Veneto supera il 43% (con l'affluenza per le comunali a Venezia che tocca il 46,3%).

In tutte le altre regioni non si arriva al 40%. Colpisce il 35,5% dell'affluenza nella rossa Toscana, addirittura il 32,9% in Puglia.

Non arriva al 40% neanche l'affluenza in Liguria, che si ferma al 39,5%, le Marche segnano appena un 34,2%, l'Umbria il 39,1%, la Campania si ferma al 35,9%. Il crollo è ancora più evidente se i dati si paragonano alle europee del 2014: allora, alle ore 19, in Veneto votò il 45,8%, in Liguria il 46,8, in Toscana il 49,2, in Umbria il 51,5, nelle Marche il 47,1, in Campania il 34% ed in Puglia il 34%.

Polemiche tra e nei partiti sulle liste e botta e risposta tra i candidati e tra i big a livello nazionale, fino praticamente a ieri, complice la bella giornata di mare e il "ponte" del 2 giugno, devono aver scoraggiato molti elettori ad andare alle urne. È vero che ovunque, nelle precedenti rilevazioni di cinque anni fa il dato dell'affluenza alle 19 era più basso: ma allora si votava in due giorni, mentre oggi alle 23 i seggi chiudono.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS