Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Nucleo di Polizia Tributaria di Como sta notificando avvisi di conclusione delle indagini nei confronti di 27 persone (4 di nazionalità elvetica) al termine di un'inchiesta della Procura comasca su un'associazione per delinquere formata da 9 persone (2 svizzere).

Secondo le accuse, l'associazione era finalizzata al riciclaggio e commercio non autorizzato di oro e al riciclaggio di denaro proveniente da evasione fiscale o reati societari, che veniva trasportato clandestinamente dall'Italia alla Svizzera per essere investito nella Confederazione o nei cosiddetti paradisi fiscali, e poi in parte reintrodotto clandestinamente in Italia.

Gli indagati gestivano i rapporti con i clienti italiani attraverso agenzie di intermediazione finanziaria estere.

Nel corso dell'indagine, sviluppatasi tra luglio 2015 e il maggio scorso - scrive in una nota il procuratore della Repubblica di Como Nicola Piacente - sono stati accertati e contestati numerosi episodi di abusivismo finanziario, di contrabbando di pietre preziose ed oro del valore di circa 15'000'000 di euro, di riciclaggio di 25 kg di oro e di denaro (2,2 milioni di euro e mezzo milione di franchi svizzeri).

Nei mesi di inchiesta la GdF ha sequestrato dodici auto destinate al trasporto delle somme di denaro e dei preziosi da riciclare, 31 kg di metalli preziosi e 299 monili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS