Navigation

Italia: Sardegna, spiaggia Tuerredda a numero chiuso dal 2020

La spiaggia di Chia, in Sardegna (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/KARL A.RITTER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2019 - 17:03
(Keystone-ATS)

La Sardegna blinda le sue spiagge per tutelare il proprio patrimonio ambientale. Dopo il numero chiuso a Cala Biriola, primo caso nel 2017, Cala Goloritzè e Cala Mariolu, tutte in Ogliastra, ora anche il sud dell'isola difende i suoi tesori.

L'aveva già fatto Villasimius con Punta Molentis e adesso pure il sud ovest è pronto a limitare gli accessi a Tuerredda, un autentico paradiso sul litorale di Chia, nel comune di Teulada.

L'allarme degli ambientalisti dell'associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico onlus (GrIG) con un dossier-denuncia sullo sfruttamento della spiaggia e sulla presenza rifiuti e mercatini, ha solo accelerato un percorso che ormai sembra inevitabile per tutti i tratti di mare sottoposti a invasione soprattutto nel mese di agosto. Il numero chiuso scatterà a Tuerredda dalla prossima estate.

Nel frattempo, la Giunta comunale ha già predisposto tutti gli atti necessari, compresa una valutazione su un possibile ticket per l'accesso al litorale. Il contributo ambientale a carico degli utenti che accedono sarà utilizzato anche per potenziare e migliorare nel tempo i servizi della spiaggia. Da subito sarà quantificato il numero massimo sostenibile di fruitori e, una volta ottenuta la cifra esatta, si potrà procedere. L'iter è definito in una delibera dell'esecutivo guidato dal sindaco Daniele Serra: gli uffici comunali dovranno prevedere anche l'installazione, in collaborazione con la Provincia del Sud Sardegna (ente gestore della strada provinciale sovrastante la spiaggia), di una adeguata cartellonistica e di pannelli luminosi aggiornabili in tempo reale. Questo per segnalare l'eventuale "tutto esaurito" ed evitare inutili ingorghi nell'unico accesso alla spiaggia.

Si sta pensando anche a un'applicazione per smartphone che consenta di dare ai potenziali bagnanti il quadro sempre aggiornato della situazione, e in caso di pienone optare per altre mete. C'è poi l'idea di assumere in via straordinaria ulteriori agenti di polizia locale o ausiliari stagionali da distaccare lungo la costa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.