Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Disagi oggi in molte città italiane, con metropolitane chiuse e autobus a singhiozzo, per lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale proclamato dal sindacato Usb Lavoro privato.

L'agitazione è stata voluta "contro il Jobs act e le gravi penalizzazioni di un contratto nazionale fermo da ben otto anni".

L'Usb parla di "forte adesione" in tutto il Paese allo stop degli autoferrotranvieri già nella fascia mattutina, "nonostante i pesanti interventi di contrasto" allo sciopero, riferendosi alla precettazione dei conducenti dell'azienda de trasporti di Milano decisa dal prefetto per evitare ricadute negative sull'Expo ed allo slittamento chiesto dalla commissione di garanzia a Torino dove è in corso il Salone del libro.

Molti i disagi a Roma, dove sono state chiuse due delle tre linee della metropolitana e sono state sospese o comunque ridotte corse degli autobus: l'Usb riferisce di una adesione "di oltre il 70% nelle linee bus della società Atac, di circa il 90% nelle società del consorzio Roma Tpl".

Circolazione a singhiozzo anche a Bologna, dove "hanno incrociato le braccia il 70% dei lavoratori della società Tper del trasporto su gomma e circa l'80% dei macchinisti su ferro".

A Napoli "le linee Flegree hanno registrato un'adesione dell'80%, mentre è il 90% dei lavoratori delle società Anm e Ctt ad incrociare le braccia", riferisce sempre l'Usb. A Venezia "notevoli" i disagi nel settore della navigazione.

A Milano, invece, come detto, la circolazione è regolare, così come a Torino dove lo sciopero è stato spostato al 24 maggio. L'Usb attacca: nonostante "chi vuole impedire lo sciopero", dai lavoratori arriva "una risposta netta ed inequivocabile".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS