Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei primi sei mesi del 2015 sono già 121 le persone che in Italia si sono tolte la vita per motivazioni economiche. Il dato è il più tragico dal 2012, anno in cui l'Università di Roma ha istituito l'Osservatorio "Suicidi per crisi economica".

L'aggiornamento semestrale del Link Campus University di Roma mostra dati allarmanti: quasi il doppio dei suicidi rispetto a 3 anni fa, escalation delle tragedie soprattutto nel Mezzogiorno e nel Nord-Est, aumento dei casi tra gli imprenditori, abbassamento dell'età media, crescita dei tentati suicidi di quasi il 50% rispetto al stesso periodo 2014.

Salgono così complessivamente a 560 i suicidi (e 320 i tentati suicidi) registrati in Italia per motivazioni economiche dall'inizio del 2012 a giugno del 2015.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS