Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Senato italiano, con i voti di Lega, Pdl e Coesione Nazionale, dice sì al semipresidenzialismo. Ottiene il via libera l'emendamento del testo delle riforme costituzionali che prevede l'elezione diretta a suffragio universale del presidente della Repubblica. I senatori di Pd e Idv avevano abbandonato l'aula, mentre la componente Fli del Terzo polo si è astenuta.

"È un voto storico quello con cui oggi il Senato ha dato il via libera al presidenzialismo nella nostra Costituzione. È una scelta che guarda al futuro, ad un rafforzamento della democrazia diretta e dei sistemi di partecipazione dei cittadini alla vita delle istituzioni", ha dichiarato il presidente dei senatori Pdl, Maurizio Gasparri.

"In Parlamento - continua Gasparri - chi oggi non ha votato il presidenzialismo si è opposto ad un richiesta condivisa di rafforzamento della democrazia, che specie in un momento di così diffusa crisi della politica sarebbe stata una risposta efficace".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS