Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Italia: Senato vota fiducia su decreto sicurezza

Un decreto caro al ministro dell'Interno leghista Matteo Salvini.

(sda-ats)

Il Senato italiano ha votato la questione di fiducia posta dal governo sul maxi emendamento sostitutivo del decreto sicurezza: i sì sono stati 163, 59 i no e 19 gli astenuti. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera.

A favore hanno votato i senatori della maggioranza M5S-Lega, contro il Pd, Liberi e Uguali, Autonomie. Fratelli d'Italia si è astenuto mentre Forza Italia non ha partecipato alla votazione.

Quattro senatori M5S avevano preannunciato che si sarebbero allontanati dall'aula al momento del voto e non hanno partecipato alla votazione.

Il decreto sicurezza è un provvedimento-bandiera che impone una stretta in particolare sul diritto d'asilo per i migranti. Si va dall'abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari (sostituito da permessi speciali temporanei, prolungati per motivi sanitari) all'allungamento da 3 a 6 mesi del trattenimento nei Centri per i rimpatri; dalla possibilità di trattenere gli stranieri da espellere anche in strutture della pubblica sicurezza, in caso di indisponibilità dei Centri di permanenza per il rimpatrio (Cpr), alla possibilità di revocare la cittadinanza italiana per terrorismo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.