Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La metà dei contanti e dei titoli trasportati illecitamente intercettati lo scorso anno lungo la frontiera italiana - per un totale di 124 milioni di euro - proviene dalle operazioni condotte al valico di Ponte Chiasso. Lo rende noto oggi la Guardia di finanza (Gdf).

Tra i principali sistemi per aggirare la normativa, i finanzieri hanno rilevato il frazionamento delle somme tra più passeggeri e l'occultamento della valuta sulla persona, nei vestiti o in doppifondi dei bagagli, degli oggetti trasportati o negli automezzi; queste le ragioni alla base dell'immissione in servizio di unità cinofile appositamente addestrate a riconoscere l'odore della carta filigranata e degli inchiostri impiegati per la stampa delle banconote (cash dog).

Significativi anche i numeri relativi a banconote e monete false sequestrate: oltre 15,6 milioni di euro, con la denuncia di 402 responsabili di cui 111 tratti in arresto. In testa, nella classifica dei biglietti contraffatti, le banconote da 20 euro, seguite da quelle da 50 e 100 euro. Sequestrati anche titoli esteri falsi di valore nominale superiore a 1 miliardo di euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS