Navigation

Italia: sottopagato il 70% dei giovani medici italiani e stranieri

In Italia il 70% dei giovani medici è sottopagato. Il 95% dei ricercatori prende circa 1500 euro al mese. KEYSTONE/EPA/MATTEO BAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 - 14:35
(Keystone-ATS)

In Italia il 70% dei giovani medici è sottopagato e il 95% dei ricercatori è precario e prende circa 1500 euro al mese.

È quanto risulta da una ricerca condotta dall'Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), l'Unione Medica Euro Mediterranea (Umem) e il Movimento internazionale trans-culturale e inter-professionale "Uniti per Unire"(UxU).

L'indagine si è basata su un campione di 5000 professionisti (di cui 2500 medici italiani, 1500 medici stranieri e 1000 ricercatori) che si sono rivolti allo Sportello Amsi Online negli ultime due anni.

Il panorama tratteggiato non è per niente positivo: il 70% dei medici italiani e stranieri è infatti sottopagato, con retribuzioni anche di 7 euro all'ora in cliniche private con 12 ore di guardia medica, e la metà viene pagata in ritardo in base al pagamento delle assicurazioni.

Il 90% dei medici stranieri giovani cerca di inserirsi nel Servizio sanitario nazionale, ma non riesce per mancanza o di cittadinanza o di specializzazioni.

Il 95% dei ricercatori italiani è precario e prende circa 1500 euro al mese.

Tutti chiedono chiedono più borse di specializzazione, più stabilità e garanzie, e sono convinti che se ci fosse una seria volontà politica si potrebbero risolvere in pochi anni questi problemi.

"Sono dati che ci preoccupano - commenta Foad Aodi, fondatore Amsi, che con le altre associazioni lancia l'appello al Governo #FermatelaFugadeiCervelli - Di continuo riceviamo da parte di medici giovani richieste di andare all'estero e al tempo stesso offerte di lavoro da tutte le regioni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.