Navigation

Italia: sottosegretario Melchiorre si dimette a 23 giorni da nomina

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2011 - 21:17
(Keystone-ATS)

Daniela Melchiorre si dimette dopo soli 23 giorni dalla nomina a sottosegretario allo Sviluppo economico. Deputata del gruppo dei Liberal Democratici, lascia l'incarico in polemica con il premier Silvio Berlusconi, definendo "incredibili esternazioni" le sue parole, a margine del vertice G-8 di Deauville, contro la magistratura italiana.

Ex magistrato, Melchiorre, spiega in una lettera al premier, che "il livello di accettabilità" è stato "definitivamente superato", anche "per chi aveva ritenuto per un attimo di poter superare, in un momento di emergenza, le fratture politiche del passato". È "incredibile", infatti, per l'ex sottosegretario, che il presidente del Consiglio abbia parlato delle sue polemiche con le toghe italiane "all' incredulo presidente Barack Obama", proprio nel summit di giovedì scorso, e "come se si trattasse di un tema degno di una agenda internazionale di quel livello".

Entrata in politica con i liberal democratici di Lamberto Dini, è sottosegretario alla Giustizia, per due anni con l'esecutivo di Romano Prodi. Eletta deputato nel 2008 con la lista del Pdl, dà l'addio al partito di Berlusconi pochi mesi dopo: il 21 luglio abbandona la coalizione per passare al gruppo misto. Nella stessa giornata la Camera autorizza la formazione della componente Liberal Democratici e Repubblicani, con Italo Tanoni e Giorgio La Malfa.

Nel novembre 2008 i Lib-Dem passano all'opposizione, votando, nel gennaio 2009, la sfiducia al governo. Posizione confermata il 14 dicembre 2010 con il voto, insieme a Fli, Udc, Api e Mpa, della mozione di sfiducia che segna anche il passaggio nelle fila del Terzo polo. Tuttavia Daniela Melchiorre e l'altro Lib-Dem Tanoni, quando la Camera chiede di sollevare il conflitto di attribuzione sul procedimento a carico del premier i reati contestategli nell'inchiesta "Rubygate", votano insieme alla maggioranza, decretando di fatto l'uscita dal Nuovo Polo e dall'opposizione.

Il 5 maggio 2011 viene nominata sottosegretario: i Liberal Democratici passano dal sostegno esterno all'ingresso nel governo. Dopo 23 giorni la nuova avventura della Melchiore diventa cronaca del passato. E l'uscita dall' Esecutivo della potrebbe essere prodromica anche all'addio dei 'libdem' all'attuale maggioranza. La decisione, fanno sapere, sarà presa in una prossima riunione della direzione del movimento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo